Come aumentare la perdita di peso durante una dieta

Fare una dieta comporta un cambiamento di vita importante. Gli orari si fanno rigidi, il regime alimentare diventa controllato e l’atteggiamento alla vita cambia in positivo man mano che i chili diminuiscono.

Tutto ciò comporta un impiego di tempo non indifferente.

Come tutti i progetti a breve o lungo termine, la dieta necessita di tempo, costanza e testardaggine.

Dimagrire diventa un obiettivo di vita ma è difficile raggiungerlo se non si vedono i tanto sperati risultati. Chi comincia una dieta ha i migliori buoni propositi ma potrebbe commettere degli errori che rallentano o stoppano la perdita di peso.

Come aumentare la perdita di peso durante una dieta? Ecco i passi da fare per dimagrire più velocemente.

Cambiare le proprie abitudini

Vivere uno stile di vita disordinato è il primo ostacolo alla perdita di peso durante una dieta.

Programmare una routine quotidiana è necessario per porsi delle regole e aiutare il corpo a dormire il giusto quantitativo di ore.

Recenti studi hanno infatti dimostrato che dormire meno delle canoniche 8 ore a notte porta ad un aumento della fame nervosa, un rallentamento del metabolismo e un incremento del grasso addominale (il più pericolo a livello fisiologico). Senza contare che dormire poco riduce l’efficacia di un allenamento.

Il primo consiglio è quindi dormire bene per dimagrire più velocemente.

Gli Spuntini

Un altro punto su cui è bene riflettere è sugli spuntini. Per quanto sia risaputo che effettuare uno spuntino mattutino e uno pomeridiano è necessario ai fini di una dieta, pochi mangiano un sano alimento.

Optare per uno snack ipercalorico può aumentare considerevolmente il totale calorico della giornata perciò è ottimale scegliere della frutta o uno yogurt bianco piuttosto che salatini o barrette confezionate.

Scrivere ciò che si mangia

Scrivere tutto quello che si mangia è molto utile perché solitamente si pensa di mangiare meno rispetto alla realtà. Scrivere ciò che si è mangiato durante la giornata è una prova tangibile e aiuta a tenere a freno la bocca in caso di fame nervosa.

Attività fisica in modo intelligente

Anche l’attività fisica è uno degli step fondamentali per una buona riuscita di una dieta ma molti ne fraintendono il senso. Non basta allenarsi 3 volte a settimana ed essere pigri nei restanti momenti. Muoversi è un principio mentale più che fisico.

Rinuncia alla sedentarietà nelle piccole cose: usa le scale piuttosto che l’ascensore, rinuncia all’auto appena puoi, fai una passeggiata invece di rimanere sul divano. Il Ministero della Salute consiglia di compiere almeno 10.000 passi al giorno per combattere sedentarietà e sovrappeso.

Camminare il più possibile è l’ideale per smaltire il grasso in eccesso, velocizzare il metabolismo, risparmiare sull’abbonamento in palestra e aumentare la perdita di peso durante una dieta.

Per quanto riguarda il fitness è sicuramente consigliato ma non bisogna mai fossilizzarsi su un programma unico di esercizi. Il segreto è variare alternando attività aerobica e anaerobica con l’aiuto di un istruttore specializzato.

Bere molto

Alcun studi dimostrano che la disidratazione comporta una riduzione del dimagrimento del quasi 2%. Buona regola è quindi bere almeno 2 litri di acqua al giorno, specialmente a stomaco vuoto per attenuare il senso della fame.

Frigorifero “Smart”

Infine l’ultimo consiglio riguardo le proprie abitudini di vita è riguardo il frigorifero.

Quanto è difficile resistere alle tentazioni se si ha una barretta di cioccolato o un pacchetto di patatine? Non acquistare prodotti grassi e ipercalorici e riempire frigo e cassetti di sola frutta, verdura e cibo sano è sostanziale per mantenersi fermi e non sgarrare.

Cosa evitare assolutamente per aumentare la perdita di peso durante una dieta

Bibite Zuccherate

Bandire dalla propria tavola le bibite zuccherate è una buona azione per diminuire l’apporto calorico della giornata.

Queste bibite inoltre non dissetano né apportano alcun giovamento al proprio organismo quindi perché berle? Stesso discorso per gli alcolici che inducono a bere un quantitativo di calorie ben al di sopra della soglia limite, portando a vanificare qualsiasi impegno dietetico.

Saltare i pasti

Evitare di saltare i pasti è importante per non intaccare l’attività metabolica ma a questo riguardo alcuni studi consigliano di digiunare 10-16 ore di un giorno della settimana per dimagrire senza assottigliare la massa muscolare. Non è una metodologia accettata pubblicamente ma si può provare, magari dopo una giornata di abbuffate.

Assolutamente vietato digiunare per stimolare la perdita di peso, così facendo l’organismo non riesce ad assumere una routine quotidiana, senza contare che il digiuno compromette la salute fisica in quanto così facendo viene consumata massa magra, rimanendo intaccata quella grassa.

Il giorno libero, in cui concedersi il proprio dolce preferito o un ricco pranzo, è quasi sempre consigliato più per un motivo psicologico che fisico.

Coccolare il proprio palato può ricompensare di tanta fatica fatta e aiutarsi a riprendere la dieta con maggior vigore e impegno ma è bene prestare attenzione. Se il pranzo o la cena è eccessivamente pesante è meglio farlo seguire o precedere da un pasto leggero con sole proteine e fibre.

Esagerare enormemente potrebbe ridurre la perdita di peso, vanificando i sacrifici di una settimana.

Evitare troppi carboidrati

Questi nutrienti comportano un maggior apporto di calorie rispetto a proteine e ciò significa che si possono mangiare più frutta e verdura rispetto a pane, pasta e riso con il risultato di sentirsi sazi più a lungo.

Il pane in special modo tende a gonfiare e si consiglia di abbassare il suo consumo fino a 30-50 grammi al giorno rispetto alla pasta e al riso.

Eliminarli del tutto è comunque sbagliato, il corpo ha bisogno di carboidrati ma nella giusta misura.
Stesso discorso anche per i grassi, è bene rinunciarci ma non troppo.

Grassi si, Grassi no

Il mondo della nutrizione è concorde nell’introdurre i grassi nel proprio regime dietetico, per circa il 25% di percentuale.

Ciò non significa che bisogna mangiare fritti e insaccati ma semplicemente consumare i grassi buoni come l’olio extravergine di oliva (circa 6-8 cucchiaini da caffè al giorno) e frutta secca (poche volte a settimana in quantità ridotta).

L’ultimo consiglio, quello forse più importante, è non avere fretta.

L’aumento di peso può essere dovuto a diversi motivi ma non deve essere vissuto come una colpa. Dare tempo al corpo di abituarsi ad un nuovo regime alimentare, lasciandogli il tempo di dimagrire è il primo passo verso l’accettazione di se stessi e l’amore per il proprio corpo.

Con costanza e dedizione perdere peso sarà una conseguenza e non una costrizione.

Seguendo questi semplici consigli è la base per sapere come aumentare la perdita di peso durante una dieta.